Upstream – Risalendo la corrente

How long did it rain yesterday?

Passing ruthless through cities;
those rivers,
where do they get the water from?

Swimming in directions
opposite to gravity
as a goofy salmon
with no bears to fear

Climbing smooth walls
of fog and drizzle
big salamander
afraid of height

The cry of the marmot
announces
our out-of-placeness
in this land

Birds of prey
hover around
showing off their
slender figures

Snaking out,
earthly paths
lead the way
to the sky we long to see

 

upstream
Foto di Salvatore Minissale

 

Quanto ha piovuto da ieri?

Attraverso città spietati;
questi fiumi,
da dove arrivano le loro acque?

Nuotiamo in direzioni
opposte alla gravità
come salmoni goffi
con nessun orso da temere

Scaliamo pareti lisce
di nebbia e gocce leggere
grandi salamandre
che odiano l’altezza

Il grido della marmotta
annuncia il nostro
esser fuori luogo
su questa terra

Uccelli rapaci
aleggiano
ostentando
la loro snella figura

Serpeggiando,
cammini terrosi
ci guidano verso il cielo
dall’agognata vista

 

Salvatore Minissale

Dopo il battito – After the beat

Il giorno che inventammo la musica,
qualcuno si accorse
del battito del cuore,

provò a mimare il vento,

il risveglio di uccelli,
le scorregge e l’ansima,

il riflusso della spuma,
le zanzare ubriache di plasma.

Ora da questa finestra
treni scivolano muti,

nessuno più ricorda
da che parte arriva
il suono che fanno le foglie
quando il verde
è già rosso d’autunno,

nessuno ascolta
quei lampioni intermittenti
che dubitano
la notte abbia ancora bisogno
del loro giudizio.Untitled

 

The day we invented music,
somebody became aware
of the heartbeat,

tried to mimic the wind,

the awakening of birds,
farts and gasps,

the ebb of the froth,
mosquitoes drunk of plasma.

Now from this window
trains are sliding silently,

nobody recalls
where the sound
of the leaves comes from
when the green
is already red by fall,

nobody listens to
those blinking lamp posts
in doubt whether
the night still needs
their judgement.

Salvatore Minissale

Here

In una risposta il senso della sua poesia:snyder

WERTHEIMER: It’s interesting, though, that in some of your poems, there’s – you know, there’s just sort of the – you’re purely dealing with nature, and then you’ll stick something in like the truck that’s in four-wheel-drive.

SNYDER: Well, you know, that’s the world we live in. Poetry isn’t about just nature. It’s about reality. And as a Buddhist, Buddhism does not just favor a nice side of the phenomenal universe. Buddhism says we are all students of reality, whatever it is.


 

Here in the dark, the new moon long set.
A soft grumble in the breeze is the sound of a jet so high,
it’s already long gone by.
Some planet rising from the East shines through the trees.
It’s been years since I thought why are we here?

Gary Snyder


 

Qui nel buio, la luna è tramontata da tempo.
Un leggero borbottio nella brezza 
il suono di un jet così in alto,
già svanito.
Un pianeta da est luccica attraverso gli alberi.
Sono già tanti anni che non mi chiedo perchè siamo qui?

(Traduzione di Salvatore M.)