Attendendo

Frantumai l’avido specchio perché non01-Sedia
avevo più ragioni per invecchiare,
tagliai pure le mie orecchie per non
marciare al ritmo di altri tamburi,
chiusi infine la porta di casa mia
perché non volevo più sbagliare.

Mi legai dunque ad una sedia,
attendendo d’addormentarmi,
solo e giovane.

Annunci