Ti faccio un grafico*** – Carta igienica

Io cerco di non usare carta igienica. L’avversione deriva dal fatto che, siccome non la vogliamo normale crespa riciclata, la facciamo con la polpa di cellulosa …io preferisco usare limitatamente la carta e andare di mano.

Così ha risposto il geologo Mario Tozzi, intervistato da Radio 24, riguardo il lavaggio dell’ano dopo la defecazione. Sicuramente sarebbero poche le persone, almeno in “Occidente”, pronte a seguire il suo esempio, imbrattandosi le mani quotidianamente; l’utilizzo di carta igienica sembra ancora un’inevitabile scelta. Ma la domanda sorge spontanea, almeno nella mia testa: quanta carta igienica consumiamo e quindi quanti alberi tagliamo annualmente per la nostra igiene anale. Per rispondere a tali domande dobbiamo lanciarci in svariati calcoli e differenti ipotesi, a volte azzardate. Dobbiamo sapere, innanzitutto, quanti strappi di carta igienica vengono usati per atto. Facendo qualche ricerca su internet (qui, qui, qui, …) sembrerebbe che mediamente si utilizzino circa 10-15 strappi, valore che dipende essenzialmente da due fattori: la morbidezza delle feci e la paura di traforo del pulitore.

Adesso sarà necessario sapere quanto tempo dura mediamente un rotolo di carta igienica. Per avere questa informazione dobbiamo conoscere quanti strappi ha un rotolo di carta igienica e la cadenza cacatoria. Dopo numerose ricerche, ho isolato un campione di una decina di tipi di carta igienica (ho evitato i maxi-rotoli) di diverso prezzo e grammatura. Il valore medio è di 217 strappi per rotolo come indicato nella figura in basso.

Strappi_rotolo.png

Considerando una media defecativa giornaliera di 1 (c’è chi lo fa due volte al giorno, chi una ogni tre giorni), troviamo 3650-5475 strappi per anno, ovvero tra i 17 e i 25 rotoli annui per persona. Come dicevo le diverse marche, producono rotoli con diversa grammatura a seconda della quantità di veli per strappo e della qualità della cellulosa stessa. Valori tipici variano tra i 16 e i 30 grammi per metro quadrato. Questo è coerente con ciò che ho misurato nella mia sala da bagno. Le dimensioni di uno strappo della carta igienica che uso attualmente sono 9 cm (larghezza)*12.7 cm (lunghezza). Ogni rotolo possiede 300 strappi e pesa 110 grammi (cartoncino interno escluso ovviamente). Dunque abbiamo: Sans titreCiò equivale a circa (prendo i 110 grammi per rotolo come valore) 2-3 kg di carta igienica per anno. Secondo questo articolo si arriva anche a 17 kg per i britannici, 20 per gli statunitensi e 4 nei paesi baltici. Possiamo lanciarci in due calcoli, uno ottimistico in cui consideriamo 3 kg come media mondiale ed uno pessimistico di 6 Kg.

Ci mancano ancora due dati per sapere qual è l’impronta ecologica delle cacate dell’umanità. Il primo dato è la quantità di persone che utilizza la carta igienica, il secondo quanti kilogrammi di carta igienica vengono prodotti per albero.

La prima domanda potrebbe sembrare ovvia per un “occidentale”, ovvero 7 miliardi circa. Penso che per la maggior parte degli occidentali, l’utilizzo della carta igienica sia un atto naturale e necessario come respirare o bere. Ma fortunatamente la doxa occidentale non è sempre corretta e altri modelli sono spesso utilizzati. Sapere quante persone usano la carta igienica non è molto facile. In generale la carta igienica è diffusa soprattutto nella cultura occidentale (Europa e USA e “derivati”), molto meno in quella orientale. Gli indiani per esempio non usano carta igienica. Sembrerebbe che anche i cinesi non siano grandi consumatori di carta igienica, almeno per il momento. E  i musulmani lo devono fare con cautela, visto che Allah li sorveglia anche quando si liberano dei loro peccati materiali. Il pudore dei giornalisti e la vergogna di chi risponde non permettono una statistica completa; per questo motivo fornire un dato esatto non è per niente semplice. Anche in questo caso prendo in considerazione due possibilità: 2 o 4 miliardi di persone utilizzano carta igienica quotidianamente.

Ci siamo quasi! Calcoliamo adesso la quantità totale di carta igienica consumata nel mondo. Tale valore dovrebbe essere compreso tra 6 miliardi (2 miliardi di persone per 3 kg) e 24 miliardi (4*6 kg) di kg. Quanti alberi sono necessari per produrre tale quantità di carta igienica? Un albero produce 45 kg di carta igienica*, quindi troviamo 6/24 miliardi di kg /45 kg=130-530 milioni di alberi l’anno.

Un articolo pubblicato recentemente su Nature ha stimato una densità di alberi di circa 429 alberi per ettaro, ovvero circa 23 m2 per albero. Qui giù un grafico tratto dall’articolo di Crowther et al. 2015

cro2015

Questo vuol dire che tagliamo tra i 3 mila e i 12 mila km2 di foreste ogni anno per allietare quotidianamente le nostre giornate (per intenderci, la Sicilia ha una superficie di 25 mila km2). Lo stesso articolo afferma che al mondo ci siano circa 3000 miliardi di alberi nel mondo quindi per concludere meno dello 0.02 % degli alberi è tagliata e finisce nelle nostre fogne. Potrebbe sembrare una quantità infinitesimale, ma bisogna fare alcune considerazioni. La prima è che tale carta non può essere riciclata, la seconda è che l’impronta ecologica della sua produzione non risiede solo nella materia prima, ma pure nell’energia utilizzata durante il processo di trasformazione della materia prima (taglio degli alberi, estrazione della cellulosa, produzione carta igienica) e durante il lungo trasporto del prodotto finale verso i nostri cessi. Entrare nel dettaglio di ogni processo è cosa abbastanza ardua e servirebbero altrettanti Ti faccio un grafico?.

Non so quale sia l’effettivo apporto dell’utilizzo della carta igienica al riscaldamento globale. In attesa di scoprirlo, seguo il consiglio di Tozzi, e nel mio cantuccio cerco di limitare il suo utilizzo**, cercando di creare il disagio minore al nostro ambiente e al mio ano.

Al prossimo grafico!

*Riferimento bibliografico non molto accurato. ** Per esempio non andando in bagno per giorni in modo da far seccare al cacca e consumare meno carta igienica nella post-defecatio. *** Il grafico più importante di questo post è stato copiato da un articolo pubblicato su Nature, quindi per essere più preciso il titolo del post dovrebbe essere Ti mostro un grafico… ma per questioni di policy del blog, non mi è stato permesso. Non me ne vogliate.

Annunci

Ti faccio un grafico? – Ioni

In un passato non troppo lontano ho sperato che la lettura di qualche libro di neuroscienza mi avrebbe aiutato a capire come funziona il cervello; e qualcosa, forse, l’ho pure capita, ma un dubbio è per adesso rimasto insoluto: perché certe sezioni della tua memoria sembrano riservate a delle informazioni che ti sembrano inutili, ovvero a delle cazzate? Perché devo ancora ricordare il testo di Non dirgli mai Il tuo maglione lungo sulle mani quel seno che non è cresciuto più le corse in bicicletta a primavera il vento profumava anche di te di questo tempo in due solo fotografie di Gigi D’Alessio dopo 15 anni dalla sua uscita? Sarei tentato di finanziare questa ricerca, se solo avessi qualche milione di euro da parte (lanciamo un crowfunding, che ne dite?).

Tra le cazzate che ricordo ancora bene, vi è un gioco adolescenziale che consiste nel ripetere velocemente la parola ionico (provateci: IonicoIonicoIonicoIonicoIonicoIonicoIonicoIonicoIonico…) ! Ecco ciò che la parte non stupida della mia mente deve sopportare quasi giornalmente quando lavoro, visto che spesso lavoro con degli ioni!
E anche voi potreste cadere nello stesso corto circuito visto che, anche se inconsapevolmente, avete a che fare ogni giorno con gli ioni! Gli ioni sono come il mare, arrivano all’improvviso e non sai mai da dove. Arrivano dallo spazio e potrebbero essere i responsabili di melanomi per i piloti e l’equipaggio in cabina degli aerei, ma anche per chi viaggia spesso in aereo. Sono facilmente prodotti della particelle Alfa emesse per esempio dal Radon che si trova, molto probabilmente, nei materiali di cui la vostra casa è costruita (per questo motivo, oltre che per le flatulenze, si dovrebbe areare la casa il più spesso possibile). Gli ioni (di sodio e cloro) sono presenti quando salate l’acqua per le vostre pietanze. Ci si può anche asciugare i capelli con gli ioni negativi che caricano negativamente il capello, compattandolo e lisciandolo.
Quelli di Litio servono nella maggior parte delle batterie comunemente impiegate nell’elettronica di consumo.
Insomma gli ioni ci sono sempre stati e sempre ci saranno, dobbiamo solo imparare a viverci immersi. Volendo possiamo anche osservarli. Come?
Questo è il problema che ho dovuto affrontare tempo fa al lavoro. Vi do la ricetta nel caso aveste anche voi tale problema:
  • Prendete un pezzo di quarzo e grattatelo fino a farlo diventare opaco;
  • mettetelo in una camera a vuoto spinto, ovvero dove non c’è quasi nulla oltre il vuoto;
  • prendete i vostri ioni;
  • inviateli in massa verso il pezzo di quarzo;
  • aspettate una manciata di nanosecondi. Il quarzo diventerà luminescente un po’ come nella figura qui giù, dove ho utilizzato ioni di Argon di un keV di energia (ovvero 1000 elettronvolt, ovvero 1,602176565 x 10-16 J; per rendere l’idea 4.184 J sono l’energia necessaria per innalzare di 1 °C (da 14,5 a 15,5) la temperatura di 1 g di acqua distillata a pressione di 1 atm.);

170424_AMU-PSI_34

Dunque gli ioni esistono e fanno male al povero quarzo. Ma come posso quantificarli? Come posso sapere quanti ioni vengono impiantati su un materiale?
Anche questo è un problema che ho dovuto affrontare tempo fa al lavoro. E anche in questo caso, vi do la ricetta qualora aveste anche voi tale problema, magari quando vi asciugate i capelli con il fohn ionico.
La prima cosa da fare è analizzare la foto su per ottenere il grafico 3D qui giù!
L’analisi consiste nel misurare il livello del segnale della tuo detector CCD (in questo caso installato nella mia macchina fotografica) in funzione dello spazio, cioè misurare la distribuzione spaziale del tuo fascio ionico e sapere a quale parte del materiale hai deciso di muovere guerra.
Surface PlotIn questo modo potrai sapere su quale area punta il tuo cannone ionico. Ciò fatto, non ti resta che misurare la corrente ionica (IC) nel tuo campione (conduttore) e il tempo di irradiazione. Applicando tale formula
Sans titre
dove e è la carica elementare, è possibile conoscere la fluenza ovvero la quantità di ioni che arrivano nel tuo campione in un lasso di tempo ben preciso. Adesso il tuo fascio ionico è ben caratterizzato!
 A volte nella nostra vita ci troviamo a convivere con delle cose che ci fanno male (per esempio i fasci ionici) o che ci destabilizzano (per esempio ricordare il testo di Non dirgli mai), e spesso l’unica soluzione per non finire nel baratro è conoscere tali cose per affrontarle meglio. Per adesso le mie ricerche mi hanno portato a studiare e conoscere i fasci ionici, e spero che questi grafici/equazione vi torneranno utili se anche voi doveste trovarvi difronte dei fasci (ionici o meno)/ionici (a fasci o meno) che hanno deciso di rendere meno tranquilla la vostra esistenza! Per quanto riguarda ciò che mi destabilizza, sono ancora lontano dal trovare una risposta, ma nel più roseo dei casi vi terrò informati con qualche altro grafico!

Ti faccio un grafico? – Bici1

Se qualcuno mi domandasse se siano nati prima i numeri o i grafici, tentennerei.
E forse risponderei: i grafici, ma non come li vediamo adesso. Piuttosto ciò che rappresentano. Ovvero un modo di rappresentare e di codificare la realtà.
D’altro canto dei grafici senza numeri sarebbero solo una vuota cornice; cornice filosoficamente intrigante, ma che avrebbe avuto difficoltà ad intrappolare a lungo un vuoto evanescente.
E allora sì, forse sono nati prima i numeri, ma i grafici erano lì accanto, forse venuti alla luce poco dopo. O forse sono semplicemente dei gemelli eterozigoti. Immaginate dei numeri soli. Senza contesto. Che senso avrebbero?

Cento. Sì ma cento cosa? Cento pecore. freccieAh d’accordo ora capisco.

Sì, perché pecore è il contesto e da un significato al cento. Forse un po’ troppo criptico in questo caso, ma pur sempre un significato. Ecco, il grafico è il contesto che diamo ai numeri. È il modo che abbiamo per interpretarli, o meglio, è il modo che abbiamo per interpretare ciò che ci circonda. E sono questi due verbi (ndr interpretare e circondare), oltre alla mancanza di fantasia creativa irrazionale, che mi hanno fatto innamorare dei grafici. Sono uno strumento troppo semplice, strumento che non riesco a non usare quando voglio interpretare ciò che mi circonda. E visto che sempre qualcosa mi circonda e ho spesso voglia d’interpretare, creo in continuazione grafici, reali, complessi, 2D, 3D, sul mio peso, sul volume del pane in funzione del tempo di cottura, sul numero di patate andate a male per settimana in relazione alla loro distanza con le cipolle, sul numero di grafici fatti in funzione degli anni. Insomma suonare la tromba al matrimonio della mia ex non avrebbe prezzo, per tutto il resto faccio un grafico.

La prima serie di grafici riguarda uno sport che pratico ormai da 12, in maniera più o meno intensiva, ovvero il ciclismo. bicinumeri
E la maggior parte dei chilometri che ho macinato sono stati accompagnati dalla sofferenza. La sofferenza stanca e un po’ tutti cerchiamo un modo per mascherarla prima di tutto a noi stessi. Il modo migliore che ho trovato per non far diventare la sofferenza un’ossessione è servirmi dei numeri e dei calcoli, essendo troppo complicato utilizzare carta e penna per creare grafici mentre si pedala. Fortunatamente ci sono sempre tante cose da misurare quando sei su una sella: i chilometri fatti, quelli che restano, i battiti cardiaci, l’altimetria, le pedalate per minuto, le calorie bruciate, l’orario, la media oraria, la velocità istantanea. Insomma oltre le tue gambe anche il tuo cervello può avere un bel da fare in un banale giro in bici. Ma cosa resta di tutti questi numeri, quando arrivato a casa ti stravacchi sul divano? Le sensazioni restano, le visioni e i profumi pure, ma dei numeri niente, a meno che un grafico non venga in tuo soccorso!
Del Mont Ventoux, per esempio, ricordo ancora troppo bene la sofferenza dell’ascesa e la gioia dello scollinamento. Forse devo ciò anche al mio professore di liceo, che con fare gasmaniano ci raccontava la petrarchiana ascesa,  che ha impresso delle immagini nella mia mente che difficilmente potranno sbiadirsi. Ma di quei numeri cosa ne sarebbe stato senza un salvifico grafico (come quello qua giù, per intenderci)?
MontVentoux.png

Volendo estendere il tutto, come possono essere usati tutti questi numeri per capire chi sei (in bici)?
Ci sono diversi modi: il primo che mi viene in mente è cercare di capire come le mie medie sono influenzate dal dislivello, come mostro nel grafico qui giù.
Media.png
Come era facile aspettarsi, le mie medie si abbassano notevolmente con il dislivello, indicando che dello scalatore non ho né il sangue né il fisico.
Dalle medie si potrebbe anche capire se la tua condizione migliora col tempo, ma ciò non è così semplice e richiede qualche ipotesi supplementare. Infatti le medie dipendono da diversi fattori, e ne terrò in considerazione solo due: il dislivello e la lunghezza dell’allenamento.

Se volessimo dunque costruire un fattore che valuti l’efficienza del tuo allenamento, si dovrebbe tenere conto di questi tre parametri. Ho costruito il fattore (FE) utilizzando questa formula:

equazionePiù alto è il fattore, più potrai essere soddisfatto dalla tua prova ciclistica. L’idea dietro tale formula è che il fattore di efficienza dovrebbe aumentare fortemente in funzione della media (da qui il cubo) che però deve essere pesata sulla pendenza ovvero il rapporto dislivello/lunghezza, altrimenti il fattore sarebbe alto solo per le prove in pianura e molto basso per la montagna. Inoltre la media deve essere direttamente legata al dislivello, visto che come ho mostrato nel grafico precedente i due parametri sono (abbastanza) correlati. Per questo motivo ho aggiunto il termine esponenziale che tende ad uno per grandi dislivelli o medie elevate. I risultati sono mostrati nel grafico sottostante per un periodo di un anno e indicano che la mia forma è rimasta più o meno invariata negli ultimi dodici mesi, ovvero much ado about nothing. A dire il vero sembra stia scendendo, il declino fisiologico sta già bussando alla porta?*
fattore1

* a e b sono fattori di normalizzazione.